The Green Hornet (2011)

anomala commedia d’azione di super eroi (uno solo, in realtà) diretta da gondry. abbastanza originale, intrattiene, si ride, non gli si chiede di più. voto 6,5

Annunci

Il serpente e l’arcobaleno (1988)

haiti, zombie e voodoo, con messaggio politico. le scene migliori sono quelle delle visioni, il resto è po’ confuso e non molto sopra la sufficienza. con questi ingredienti si doveva fare di più. voto 6,5


Vita Smeralda (2006)

la megalomania di calogero “jerry” calà, convinto di essere famoso e adorato da tutti, come un papa che però la gente si vorrebbe scopare. può sembrare un film critico, ma in realtà è compiaciuto. squallore. voto 1


I ragazzi della notte (1995)

studio aperto o lucignolo di italia 1 in formato cinematografico, scritto e diretto da jerry calà. squallore, dance anni 90 CONTINUA, jerry superstar. anche qua ambiguità tra critica e compiacimento. comunque voto 1


L’alba della libertà (2006)

herzog una volta ha detto che i suoi film si riconoscono da pochi fotogrammi. vedi una scena, capisci che è suo. qui capita poco. nei temi è herzog, esteticamente è hollywood. nel finale non sembra nemmeno suo. voto 7


Olè (2005)

uno dei pochi che mi mancavano di boldi, dialoghi da minus habens, il resto raffazzonato ai livelli imbarazzanti che ben conosciamo, effetti speciali compresi. mi è piaciuto però il finale, puro surrealismo. voto 2


Il vento fa il suo giro (2005)

montagne, attori non professionisti, una storia di integrazione che non va. di chi è la colpa? beh, ok che le cose sono complesse ecc. ecc., ma per me è del paese. film amaro e genuino, aria fresca per il cinema italiano. voto 7