71 frammenti di una cronologia del caso (1994)

haneke freddo e documentaristico più che mai, si limita a mostrare frammenti di vita qualunque precedenti a una strage. è come se si inserisse in un flusso di realtà, con tanto di telegiornali e michael jackson. il finale è bello e spiazzante, ma la stagnazione degli 80 minuti in attesa della follia finale sono un po’ noiosi. titolo bellissimo. voto 7,5

IMDB

Annunci

Rashomon (1950)

la verità impossibile. uno dei capolavori di perfezione, per stile e contenuti, di akira kurosawa. geniale l’uso del bolero e del fuori campo a cui si rivolgono i testimoni. ma basterebbe la semplice scena del boscaiolo che corre nel bosco per far esclamare: ehhhhh, kurosawa. voto 10

IMDB


Pineapple Express (2008)

da rispettare james franco anche solo per la scelta di fare un film così spiazzante. divertente, un paio di gag azzeccate e dialoghi surreali. voto 7

IMDB


Children of the Corn: Genesis (2011)

a quanto pare fa parte di una serie di film tratti da king, serie che non conosco. comunque è un classico horror senza infamia e senza lode, non così brutto come dice imdb. voto 5

IMDB


The Girlfriend Experience (2009)

altro soderbergh che non va al cinema, altra tessera della sua anomala e discontinua filmografia. meno riuscito di quella piccola perla di bubble è, come quasi tutti i film di soderbergh, un interessante esperimento non del tutto riuscito. da rivalutare in futuro e da inserire in una rassegna sulla “crisi” di questi anni. con sasha grey. voto 6,5

IMDB


La rabbia giovane (1973)

l’esordio di malick, quello che gli sarebbe bastato per essere ricordato per sempre. insolito, controcorrente, sospeso e disincantato. sheen perfetto. fotografia e musiche stupende. voto 8

IMDB


Toy Story 3 (2010)

no, non l’avevo ancora visto, comunque tutto bello, un po’ meno il finale forse un po’ stucchevole e prevedibile, ma comunque è un film per bambini con la profondità del classico, una sceneggiatura da manuale, avvincente, gioiosamente malinconica, e perfino drammatici momenti di paura (l’ormai famosa scena della fornace). voto 8

IMDB